INTERVISTE

Questa area di ricerche propone dei contributi utili a un’indagine sul rapporto dei cosiddetti “millennials” (soprattutto i nati alla fine degli anni ’90) con la memoria del cinema italiano, e in particolate il periodo del neorealismo.

Nel 1989, il critico Alberto Farassino diceva che «nonostante la miopia e i ritardi del nostro sistema scolastico» tutti in Italia hanno un po’ di «competenza passiva» su questa pagina gloriosa della cultura italiana.

Misurare effettivamente la portata di questa «competenza passiva» può essere un buon punto di partenza per comprendere il posto effettivo che il neorealismo occupa nella cultura degli italiani.

Le prime interviste sono state realizzate nelle zone di Corso Trieste e del quartiere Pigneto.

Il progetto rientra in un più ampia indagine svolta attraverso una serie di questionari diffusi nelle scuole. I primi risultati sono stati pubblicati sulla rivista «8e½. Numeri, visioni e prospettive del cinema italiano» (n. 13, 2014).